Un amore Barocco, il sì di Fabrizia e Luigi porta la firma di Maria Macchiarella

Non poteva essere null’altro che il Barocco siciliano il leitmotiv delle nozze di Fabrizia Marchi e Luigi Focanti. Uno stile prezioso e vibrante proprio come loro, creativi per Dna.

Lei, da quindici anni al lavoro tra Roma e Milano, è il direttore generale della sede capitolina di Tbwa Italia. Lui, italiano per nome ma con una vita a cavallo tra il Sud America, dove è cresciuto, e gli Stati Uniti, dove si è formato professionalmente, è socio fondatore e direttore creativo esecutivo di 6.14 Creative licensing, boutique creativa milanese specializzata in graphic e industrial design per brand come Campari e San Carlo.

© Adriana Tedeschi Photography
© Adriana Tedeschi Photography
© Adriana Tedeschi Photography

Fabrizia e Luigi si sono detti «Sì» il 17 settembre 2016 a Scicli, nel cuore della Sicilia più antica e Barocca. E lo hanno fatto nel corso di un lungo weekend che ha portato nell’Isola i loro 120 invitati arrivati da tutta Italia, ma anche da Londra, San Francisco, Caracas e Ginevra.

© Adriana Tedeschi Photography
© Adriana Tedeschi Photography
© Adriana Tedeschi Photography

«I festeggiamenti sono cominciati il giorno prima, venerdì, con un grande party bordo piscina – racconta la wedding planner Maria Macchiarella (www.mariamacchiarella.com) -.  Delle meravigliose collane con una testa di Moro in ceramica sciclitana, realizzate a mano dalla stilista Marzia Di Gaetano (Ma.Dì Creazioni, ndr), sono state donate a tutte le ospiti donne». Teste di Moro che sono ritornate negli allestimenti, come nelle bomboniere.

© Adriana Tedeschi Photography
© Adriana Tedeschi Photography
© Adriana Tedeschi Photography

L’indomani, sabato dunque, il «D-Day». La celebrazione è avvenuta nella Chiesa di San Giovanni, dove Fabrizia è arrivata a bordo di un Ape Calesse insieme al cognato Lorenzo Cefis (Ceo, executive producer e partner di «Filmmaster Productions», importante casa di produzione cinematografica milanese), che l’ha anche accompagnata all’altare, e alla nipotina. La sorella gemella, Francesca, le ha fatto da testimone. Luigi, lo sposo, è stato invece accompagnato dalle tre figlie che per l’occasione hanno indossato delle coroncine di limoni. Tra i loro ospiti, pure Jean Jacques Dubau, Ceo di Campari America, e Marco Fanfani, Ceo di Tbwa.

© Adriana Tedeschi Photography
© Adriana Tedeschi Photography
© Adriana Tedeschi Photography

«Impiegando alberi di limoni, fichi d’India e melograni, abbiamo ricreato la vegetazione siciliana antica – conclude Maria Macchiarella -, grazie anche alla collaborazione di Andrea Brazzoli de “I Giardini di Giava”». Dopo la chiesa, poi, un aperitivo benefico a Palazzo Bonelli; e, a seguire, il ricevimento nella storica «Villa Gisana» a Modica. Il menù, invece, è stato affidato allo chef ragusano Salvatore Guarino. Dulcis in fundo la musica degli Ottoni Animati. Siciliana anche quella, naturalmente.

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,
by
Previous Post Next Post
0 shares