Estermaria Laruccia: «Abiti 2018, opere d’arte che risaltano la femminilità della Sposa»

Il Made in Italy le scorre nelle vene. E sarà per questo che –un po’come Re Mida, che trasformava in oro tutto ciò che toccava -, da due anni a questa parte, porta buongusto e sartorialità sulle passerelle più “in”della moda Sposa, quelle della Barcelona Bridal Fashion Week (www.barcelonabridalweek.com/it). Di cui è, appunto, direttrice.
Carismatica, sorridente e con outfit (e accessori!) che non mancano mai il bersaglio, Estermaria Laruccia ci svela il segreto vincente della manifestazione che, ogni anno, segna il passo in fatto di scelte di stile per gli abiti da sposa dell’anno che verrà. E ci anticipa alcuni dei trend per il 2018.

 

Ester, partiamo subito dalle novità. Quali quelle della Barcelona Bridal Week targata 2017?
«Ci saranno tantissime novità. Tra queste, la presenza dello stilista Ángel Sánchez, uno dei più importanti disegnatori di moda del mondo. Venezuelano, abita a New York dove ha aperto un atelier negli anni ‘90. Scelto da celebrities come Eva Longoria, Sandra Bullock o Meryl Streep per attraversare i red carpet più prestigiosi del pianeta, Sánchez parteciperà alla Barcelona Bridal Fashion Week di quest’anno, che avrà luogo nel quartiere fieristico di Gran Via della Fira de Barcelona dal 25 al 30 aprile. Sarà uno dei protagonisti della Barcelona Bridal Night, una serata di gala che si svolgerà in un edificio emblematico della città, durante la quale sarà presentata una sfilata –la prima che realizza in Europa –con le sue creazioni. In questo modo, continuiamo con la nostra strategia che si basa nell’attrarre grandi firme e personaggi di fama internazionale, come abbiamo fatto in altre edizioni con firme come Houghton o Naeem Khan per convertire la BBFW nel centro mondiale della moda bridal».

ESTER FIRA BARCELONA-073
ESTER FIRA BARCELONA-116

La Settimana della Moda spagnola, per il nuovo anno, si veste di una nuova immagine: una modella con un abito bianco. Che significa?
«La nostra nuova immagine è espressione dell’essenza del nostro evento, nel quale la creatività e il disegno assumono un ruolo centrale e rappresentano il nostro filo conduttore. Un’immagine che non racconta un preciso tipo di vestito, ma che rappresenta la tela di un pittore. E questo perché crediamo che i designer siano i veri protagonisti e saranno proprio loro a scrivere su una tela in bianco le tendenze delle prossime collezioni della moda bridal. E questa tela in bianco è, appunto, la figura femminile utilizzata come immagine del nostro evento e vestita solo con ‘pittura’ bianca… Simbolo dell’origine e della creazione. A questa immagine viene anche associato il leitmotiv ‘unespected dreams’, con un chiaro riferimento all’inevitabile connessione fra il matrimonio, l’amore e i sogni… Sogni che si sveleranno solo durante la Barcelona Bridal Fashion Week!».

Quali e quanti brand Sposa troveremo sulle passerelle spagnole del 2017? Ci saranno delle new entry?
«Ci saranno nuovi brand e siamo già ‘sold out’. I risultati si prevedono ottimi e in continua crescita. Avremo più di 20 sfilate dedicate al mondo del wedding e degli abiti da sera e quasi 300 brands presenteranno le loro collezioni».

ESTER FIRA BARCELONA-045
ESTER FIRA BARCELONA-137

La Barcelona Bridal Week è, senza dubbio, l’appuntamento più atteso dell’anno da tutti gli operatori del settore, in quanto segna il passo in fatto di scelte di stile per il prossimo anno. Quali saranno i trend Sposa per il 2018?
«Sarà la creatività dei designer a definire i trend del 2018, e saranno loro a raccontarli attraverso le loro creazioni. Possiamo dire, però, che si sommano tendenze, si riscoprono dettagli vintage, il romanticismo assume un’allure più moderna. I materiali si fanno nobili e preziosi. I vestiti presentati diventano opere d’arte. L’obiettivo è far risaltare la femminilità della donna, ma sempre con discrezione, raffinatezza ed eleganza, come nel caso di trasparenze e scollature».

Chi aprirà la settimana di sfilate? E chi la chiuderà?
«Come sempre, ad aprire la settimana di sfilate sarà Rosa Clarà; a chiuderla, invece, il marchio spagnolo Pronovias. Rispettiamo una tradizione lunga 27 anni».

Come ogni anno, la manifestazione prevede due diversi momenti: la presentazione delle collezioni in passerella e il salone espositivo. Sarà anche quest’anno così? 
«Sì. Si tratta di un format vincente e lo riproporremo. Un misto di comunicazione e glamour, grazie alle sfilate; senza dimenticare la parte commerciale, garantita attraverso la fiera».

L’edizione 2016 ha visto il suo debutto ufficiale come nuovo direttore della BBFW. Cosa rappresenta per lei quest’esperienza?
«Per me, è un’esperienza unica, mi motiva molto, sono italiana e l’Italia è un paese molto attento alla moda, alla qualità, ai dettagli. Tutto ciò è presente nel nostro evento e mi dà l’opportunità di vivere l’eccellenza nel mondo della moda, ricordando sempre che questo mondo è espressione di un tessuto industriale forte e in fase di crescita, soprattutto per quelle imprese che sanno guardare verso orizzonti lontani».

L’obiettivo di questa edizione è puntare sempre di più verso l’internazionalizzazione, strizzando l’occhio ai paesi europei, ma anche  a quelli asiatici e latino-americani. Cosa vuol dire in concreto?
«La BBFW è un ponte di unione tra l’Europa e il resto del mondo, attraverso desiger, stampa, influencer, buyer. Il nostro ingresso nei paesi internazionali si basa su questa strategia a 360 gradi. Sempre con questa idea, l’ultima edizione aveva come focus l’asse Europa-Stati Uniti. Quest’anno, invece, vogliamo rendere più forte la nostra presenza in Asia e in America Latina, due aree che offrono tantissime opportunità di espansione; e faremo del Messico e del Giappone i trampolini di lancio verso i due continenti. In questa edizione, prevediamo un aumento de un 12-13% di buyer e brand provenienti da tutto il mondo e questo ci offre la possibilità di affermare che la BBFW sta facendo ancora un passo in avanti per affermarsi come centro mondiale della moda bridal».

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,
Previous Post Next Post
0 shares