Wedding Industry Meeting 2018, così la Toscana del Matrimonio punta a fare rete

Wedding Industry Meeting 2018

Wedding Industry Meeting 2018 ha chiamato a raccolta oltre 100 operatori dell’Industria del Matrimonio, tra venditori e buyer, che operano nella zona fiorentina. Ad organizzare l’evento Corsini.Events Group, con il supporto di Tuscany for Weddings, business unit di Destination Florence Convention and Visitors Bureau.


Aggregare gli operatori di settore, dare loro un linguaggio comune per affacciarsi al mercato estero e regolamentare il segmento del Destination Wedding.

Sono questi gli obiettivi che si sono posti Tommaso e Lorenzo Corsini, alla guida di Corsini.Events Group, organizzando il primo Wedding Industry Meeting 2018, a Firenze.

Wedding Industry Meeting 2018

Negli spazi della loro Villa Corsini a Mezzomonte e con il supporto di Tuscany for Weddings, business unit di Destination Florence Convention and Visitors Bureau, l’evento ha riunito oltre cento tra venditori e buyer per una giornata che è stata divisa in due momenti:

  • gli appuntamenti b2b, tra operatori di settore toscani che hanno aderito all’iniziativa;
  • il talk, con un panel discussion tra professionisti (a vario titolo) del mondo del Wedding.   
Wedding Industry Meeting 2018
wedding_industry_meeting_2018_5
Wedding Industry Meeting 2018
wedding_industry_meeting_2018

Wedding Industry Meeting 2018, Corsini: “Destination Wedding una filiera produttiva a sé”

«Wedding Industry Meeting 2018 – esordisce Tommaso Corsini, Ceo di Corsini.Events e mente di WMI – è un evento nuovo, un format che punta ad aggregare gli operatori di un mercato, quello del Destination Wedding, che è in continua crescita ed evoluzione».

Ad oggi, infatti, il turismo legato ai matrimoni degli stranieri in Italia è considerato una «costola del mercato del Turismo – continua Corsini -. Ecco, noi vogliamo che adesso venga identificato come una filiera produttiva a sé stante, dedicata e professionale».

Wedding Industry Meeting 2018
wedding_industry_meeting_2018
Wedding Industry Meeting 2018
Wedding Industry Meeting 2018
Wedding Industry Meeting 2018
Wedding Industry Meeting 2018

Destination Wedding Italia: nel 2016 fatturato da oltre 440 milioni

E i numeri sembrano proprio dare man forte alla voce di Corsini e della cordata di imprenditori ed operatori del Matrimonio che la pensano come lui.

Stando agli ultimi dati del Centro Studi Turistici di Firenze – resi noti proprio durante il Wedding Industry Meeting 2018 -, infatti, nel 2016 il fatturato generato dai matrimoni di coppie straniere nel Belpaese è stato di oltre 440 milioni di euro, con una vera impennata rispetto agli oltre 380 milioni dell’anno precedente.

Wedding Industry Meeting 2018
wedding_industry_meeting_2018
Wedding Industry Meeting 2018
wedding_industry_meeting_2018

E i numeri da capogiro non finiscono qua. Basti pensare che nel 2016, in Italia, si sono contati:

  • 8.085 eventi;
  • 408 mila arrivi;
  • 1 milione 368 mila presenze

Con una spesa media per evento di 54.516 euro e un numero medio di invitati pari a 50,5.

Wedding Industry Meeting 2018

Matrimoni di stranieri in Italia: Toscana, Lombardia e Campania le preferite

«Il mercato del Destination Wedding in Italia è abbastanza vario – commenta Carlotta Ferrari, direttrice del Destination Florence Convention and Visitors Bureaue si va ampliando sempre più, coinvolgendo anche Paesi molto nuovi. Ce ne sono alcuni più forti, che sono poi quelli che scelgono l’Italia pure come meta turistica e per i grandi eventi: parlo dell’Inghilterra e dell’America».

Scendendo nel dettaglio delle singole regioni d’Italia preferite dagli stranieri per dirsi di “Sì”, le prime cinque – in ordine di gradimento – sono:

  1. Toscana (31,8% delle preferenze)
  2. Lombardia (16%)
  3. Campania (14,7%)
  4. Veneto (7,9%)
  5. Lazio (7,1%)

Da sole, queste cinque regioni, conquistano una fetta del mercato del Destination Wedding pari al 77,5%.

Wedding Industry Meeting 2018
wedding_industry_meeting_2018
Wedding Industry Meeting 2018

«Il Convention Bureau è un interlocutore privilegiato all’interno del segmento Wedding – conclude Carlotta Ferrari -. La nostra mission è di aggregare la rete di operatori, proteggerla e promuoverla nei mercati esteri in modo ordinato e coordinato. Dunque, offrire un linguaggio e strumenti comuni. La collaborazione, infatti, vince sempre».

Matrimoni in Italia: “Servono analisi macroscopiche del settore”

Tra le esigenze che, ad oggi, la Wedding Industry dimostra di avere, ci sono anche la necessità di sopperire ad una mancanza di analisi macroscopiche del settore e quella di portare imprenditori, istituzioni ed enti aggregativi a lavorare insieme.

«Non conosciamo esattamente gli indotti, i fatturati, i numeri o, ancora, da dove provengano i nostri clienti. E quanto incida, e in che proporzione, il mercato nazionale e quello internazionale – aggiunge Tommaso Corsini -. Vogliamo che ci sia collaborazione tra le parti per studiare il mercato e, così, indirizzare al meglio le politiche commerciali e comunicative sia delle aziende che degli enti aggregativi».

wedding_industry_meeting_2018.jpg

L’aggregazione, dunque, è l’elemento che il Wedding Industry Meeting 2018 pone come base di partenza per dare una nuova vita all’industria del Matrimonio nella sua totalità.

«La Wedding Industry è composta da piccole e micro imprese e da Partite Iva che costituiscono un tessuto imprenditoriale straordinario e attivissimo, ma che comunque va messo in rete e che deve accettare di avere degli enti aggregativi che possano agire in modo orizzontale a garanzia di tutti – conclude il Ceo di Corsini.Events, Tommaso Corsini -. Oggi non c’è nessuna forma di regolamentazione del mercato, non vi sono barriere all’ingresso e questo, a lungo andare, può certamente danneggiarlo».

 

Per maggiori informazioni: weddingindustrymeeting.com

—–

Partner istituzionali dell’evento: 
Regione Toscana, Toscana Promozione Turistica.

Sponsor dell’evento:
Tuscany for Weddings – Destination Florence Convention and Visitors Bureau, Corsini.Events Group, Alberto Sarrantonio Photographer, Alma Project, Centro Studi Turistici di Firenze, Colle Berto, Floral Design – Simone Bertini, Galateo Ricevimenti, Opera in Florence,  Preludio Group, Studio Fotografico Righi, Savio Firmino, SSD Lab, Tecnoconference, Tuscany Highlights, Villa Corsini a Mezzomonte, Senza Filtro Comunicazione

 

 

 

 

 

 

Related Posts

Previous Post Next Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

51 shares