Per la sposa qualcosa di… Buon auspicio

di Fernanda Anania

Something old, something new. Something borrowed, something blue. And a silver sixpence in your shoe.

«Qualcosa di vecchio, qualcosa di nuovo. Qualcosa di prestato, qualcosa di blu. E una moneta da sei pence nella scarpa». La più classica filastrocca dedicata alle spose impone, da oltre due secoli, un diktat a cui si sono piegate anche le teste coronate. Nessuna sposa infatti, – un po’ per divertissement, un po’ per scaramanzia -, si presenta all’altare senza rispettare questa tradizione. Usanze e simbolismi che danno l’opportunità alle persone più vicine alla sposa di contribuire con qualcosa per l’occasione: ogni elemento, oltretutto, è utile a benedire la sposa in un modo diverso. Vediamoli, allora, uno per uno.

Messaggio pubblicitario
Qualcosa di vecchio
Con l’inclusione di un qualcosa di vecchio, di solito tramandato di generazione in generazione, la sposa entra nella nuova vita coniugale portando un oggetto appartenente al suo passato, di solito simbolo del legame con la sua famiglia di origine. Può essere qualsiasi decorazione o oggetto, ma più frequentemente è il velo oppure un gioiello di famiglia; in casi più fortunati, ma rari, può essere il vestito stesso della sposa, ereditato dalla madre o dalla nonna e magari riadattato in chiave contemporanea.
Qualcosa di vecchio come il velo
fotolia_120003804
beatrice_queenVictoria - Qualcosa di vecchio - L'abito da sposa

Qualcosa di nuovo
Il qualcosa di nuovo per antonomasia è di solito il vestito stesso, a meno che non se ne indossi uno ereditato o di seconda mano. In questo caso, il nuovo può essere rappresentato da un accessorio prezioso e ricercato: dai gioielli ai guanti, al velo, fino alle scarpe. Senza dimenticare che, se si tratta di un regalo, è vietato donare perle perché simbolo di lacrime, mentre i diamanti sono considerati di buon auspicio. Qualche altra idea? Un bel completo intimo, dei collant di seta o, addirittura, un’auto.

Un gioiello come qualcosa di regalato
Qualcosa di nuovo - Guanti
fotolia_117433605
Yamamay-intimo-sposa

Qualcosa di prestato
La tradizione vuole che l’oggetto preso in prestito appartenga a una parente di sesso femminile, che deve essere felicemente sposata. Il simbolismo del prestito diventa evidente: l’auspicio è che la felicità si estenda alla nuova sposina. L’oggetto, oltre ad essere qualcosa di rilevante o significativo per chi presta, deve essere sempre restituito al proprietario, magari accompagnato da una nota di ringraziamento. Anche in questo caso di solito è un gioiello di famiglia o un accessorio ad essere prestato.

Qualcosa di prestato - Nastrino tra i capelli
Un-pettinino-antico qualcosa di antico
Le-perle-della-mamma come qualcosa di prestato

Qualcosa di blu
Il blu è un colore simbolo di lealtà, fedeltà e amore duraturo. Facile quindi capire perché sia associato al bianco del vestito da sposa, completandone il significato. Questo dettaglio cromatico solitamente viene inserito proprio all’interno dell’abito, ad esempio sotto forma di fiocco cucito dentro la gonna, oppure in una giarrettiera. Un’altra idea originale può essere dare il blu come tema all’intero matrimonio, oppure indossare un gioiello di questo colore o, ancora, soprattutto se si tratta di nozze estive, optare per un make-up ispirato alle cromie del mare e del cielo.

fotolia_96539210
fotolia_110081102
fotolia_61522128
Trucco ispirato ai colori del cielo

Infine… Una moneta nella scarpa! Simbolo di prosperità e sicurezza economica per la nuova famiglia nel cammino che inizia, la moneta è di solito messa nella scarpa sinistra della sposa, ma può anche essere cucita nell’orlo o nel rivestimento del vestito.

Previous
Luna di miele: i posti più romantici del mondo
Per la sposa qualcosa di… Buon auspicio