Terre di Pisa, un territorio vocato al Destination Wedding

In un mix sorprendente di luoghi, esperienze, location e storie, le Terre di Pisa sono oggi una zona perfetta per ospitare matrimoni italiani e stranieri.

Messaggio pubblicitario

Ecco il perché e come è andata la tre giorni alla scoperta di questo angolo di Toscana, organizzata da Tuscany for Weddings (in copertina foto via Tuscany for Weddings).


Luoghi fatti di una bellezza che entra nel cuore. Donne e uomini che, ogni giorno, traghettano le tradizioni di ieri alle necessità di oggi. Storie e leggende che si rincorrono e mescolano, in un susseguirsi di spazi vocati all’accoglienza e pronti a regalare esperienze.

Pisa e le sue terre sono così. Sorprendenti.

Terre di Pisa, un territorio che parla la lingua del “Wedding”

Così come sorprendente è l’offerta destinata al segmento del Wedding di questo territorio ancora tutto da scoprire e al centro di una tre giorni organizzata da Tuscany for Weddings – divisione del Destination Florence Convention & Visitors Bureau – in collaborazione con Toscana Promozione Turistica e Terre di Pisa. 

Tre giorni pieni zeppi di visite, escursioni, incontri ed esperienze per conoscere tutte le potenzialità di questo territorio come Wedding Destination.

“La Toscana è la Wedding Destination ideale perché è un territorio unico al mondo per arte, storia, cultura, tradizioni ed enogastronomia, che vanta la più alta concentrazione al mondo di siti Patrimonio dell’Umanità riconosciuti dall’Unesco”, dichiarano da Tuscany for Weddings. 

Non solo. “La regione ospita numerose location diverse per realizzare ogni tipologia di cerimonie, celebrazioni ed eventi privati, dai riti civili e religiosi a quelli simbolici e LGBTQ+”. 

Messaggio pubblicitario
In questa foto due sedie su una terrazza naturale che affaccia sulle colline verdi dei dintorni di Pisa
Ph. Ediman via Terredipisa.it

Ed in numeri, nonostante siano in calo a causa della pandemia, parlano comunque chiaro: secondo una recente indagine del Centro Studi Turistici di Firenze, si stima che in Toscana nel 2021 sono stati celebrati 1.248 matrimoni di coppie straniere, con oltre 222.550 presenze turistiche legate alla celebrazione di matrimoni e per un fatturato complessivo del settore di circa 66 milioni di euro”.

“Si prevede una nuova ondata di matrimoni”, aggiungono da Tuscany for Weddings. “Per il 65,5% degli intervistati nei prossimi mesi è atteso un trend in aumento”, con un incremento “stimato pari al 56%”.

Non solo stranieri, però. Nel 2021, sono 631 i matrimoni in Toscana di coppie italiane residenti in altre regioni; di questi, 21 sono Unioni Civili tra persone dello stesso sesso. 

Rispetto al tipo di celebrazione, il rito civile è quello più richiesto (40,6%), seguito dal rito religioso (34,1%) e infine da quello simbolico (25,3%).

Toscana Wedding Destination, culla dell’arte dei matrimoni

“Il progetto per il prodotto Wedding – concludono da Tuscany for Weddings –  nasce da una attenta mappatura dei servizi offerti dai territori, un’attività di analisi e di ricerca che ha permesso di individuare oltre 1.200 spazi pubblici e privati autorizzati alla celebrazione di matrimoni e unioni civili, e al coinvolgimento dei principali operatori del settore (wedding planners, catering, servizi per matrimoni, ndr)”. 

Ed ecco spiegato il perché di questa tre giorni alla volta di Pisa e dei comuni nei suoi dintorni. 

In questa foto uno dei ponti sul Lungarno di Pisa. Sullo sfondo le case colorate che corrono lungo il fiume
via Terredipisa.it

A condurci, con il fare istrionico di chi è devoto alla sua terra ed è anche un abile protagonista di palcoscenici, Alessandro Bargagna che per mestiere fa la guida turistica. 

Con la sua associazione culturale City Grand Tour organizza itinerari (anche alternativi, come quelli teatralizzati!) alla scoperta di Pisa e dei centri nelle sue vicinanze. Non a caso, la sua frase mantra è quella di Novecento: “Non sei finito, finché hai da parte una buona storia e qualcuno a cui raccontarla”:  

In questa foto il gruppo di giornalisti e blogger, insieme a Chiara Gheri di Tuscany for Weddings e alla guida Alessandro Bargagna davanti alla torre di Pisa, in piazza dei Miracoli

DOVE SIAMO STATI

  1. Domus Comeliana
  2. Bagni di Pisa
  3. Borgo Colleoli
  4. San Miniato e la caccia al tartufo
  5. Montefoscoli e la sua cucina
  6. Triangolo Verde
  7. Peccioli
  8. Le Palaie 
  9. Villa Scorzi

Tra Pisa e Borgo Colleoli, tutte le sfumature del territorio

Il primo giorno è stato come essere sopraffatti prima e abbracciati poi da tutto il caleidoscopio di colori e sfumature che Pisa e le sue terre possono offrire. 

Il Lungarno; le sale affrescate di Palazzo Gambacorti, sede del Comune e oggi anche location per la celebrazione di matrimoni con rito civile; i portici e le viuzze della città vecchia; e infine lei, piazza dei Miracoli, con il suo concentrato di arte che non potrà mai passare di moda.

Domus Comeliana

Quasi sottovoce, proprio a due passi dalla Torre pendente, si aprono le porte di uno scrigno di bellezza custodito con cura e preservato dal mainstream: la Domus Comeliana.     

Dimora storica immersa nel verde dei suoi giardini all’italiana, è appartenuta al professor Marcello Comel, direttore della Clinica dermatologica dell’Università di Pisa. Uomo di profonda conoscenza, fu mecenate di artisti e letterati a cui diede lì ospitalità.

In questa foto la veduta della facciata principale e del giardino in primavera della Domus Comeliana, location per matrimoni a Pisa
Domus Comeliana
In questa foto un tavolo apparecchiato per un pranzo di nozze, nei toni del verde, posizionato davanti alle grandi porte-finestre aperte che danno sul giardino della Domus Comeliana
Domus Comeliana

Oggi la Domus Comeliana è sede della Institutio Santoriana-Fondazione Comel, che ha come mission quella di promuovere “lo studio, l’istruzione e l’attività scientifica, artistica e letteraria, nonché la divulgazione nel campo delle scienze e conoscenze che si occupano della salute”.

In questa foto la splendida terrazza della Domus Comeliana, con una vista più unica che rara: la torre di Pisa incorniciata trai salici
Domus Comeliana

Ma è anche una location perfetta per eventi e matrimoni. Con i suoi spazi interni ed esterni in continuo dialogo, offre una veduta decisamente unica sulla piazza del Duomo: dal suo camminamento panoramico, infatti, è possibile osservare la Torre di Pisa in tutta la sua imponenza, incorniciata tra i salici tipici della vegetazione toscana.

In questa foto tavoli rotondi allestiti per un ricevimento sulla terrazza della Domus Comeliana che guarda alla Torre di Pisa
Domus Comeliana
In questa foto divanetti e tavoli allestiti sul prato all'inglese della Domus Comeliana, a Pisa
Domus Comeliana

Ed è proprio questo aspetto ad essere un valore aggiunto. Un plus che vale il viaggio, letteralmente.    

Bagni di Pisa Palace & Thermal Spa

La storia pisana, però, passa per un luogo che offre una sguardo e un’esperienza completamente diversi, ma altrettanto affascinanti: i Bagni di Pisa Palace & Thermal Spa.

Storica residenza termale del Granduca di Toscana, da cui sono passati personaggi del calibro di Byron e Mary Shelley, oggi è un hotel a 5 stelle in cui ogni stanza riluce per i suoi affreschi unici e che ha come fiore all’occhiello la sua Spa termale.

In questa foto la facciata principale di Bagni di Pisa Palace & Thermal Spa, oggi hotel a 5 stelle
Bagni di Pisa

Con una vista sui colli pisani e sul parco di ulivi, Bagni di Pisa Palace & Thermal Spa è anche una location per matrimoni indimenticabile. 

Le sale interne, importanti, possono accogliere le celebrazioni civili come pranzi e cene di nozze; gli spazi esterni, a partire dalla splendida terrazza “Corte Byron”, sono perfetti per party e festeggiamenti en plein air in cui la natura è protagonista assoluta. Spazi, questi, tutti interamente personalizzabili. 

In questa foto tavoli rotondi e candele sulla splendida terrazza "Corte Byron" dei Bagni di Pisa. L'hotel è un'eccellente location per matrimoni in Toscana
Bagni di Pisa
In questa foto una veduta della sala interna di Bagni di Pisa che ospita il Bar Shelley: pavimenti in marmo, tetti affrescati e un pianoforte riscaldano l'atmosfera
Bagni di Pisa

La Spa termale dei Bagni di Pisa è un viaggio nel viaggio

Da sfruttare per il primo giorno da “marito e moglie” oppure come esperienza da condividere con un pugno di ospiti il giorno dopo le nozze, o ancora per un addio al nubilato, muoversi tra letti di sale, bagni al vino e massaggi professionali è un perdersi per ritrovarsi nel relax di lusso. 

In questa foto la piscina interna della Spa termale dei Bagni di Pisa
Bagni di Pisa

Borgo Colleoli

Piazza dei miracoli, le terme e poi la natura nella sua purezza. La natura di Borgo Colleoli.  

La tenuta, che sorge sopra un colle di tufo ed è immersa tra gli oliveti, è oggi una dimora di charme con una villa padronale centrale e una serie di appartamenti dislocati tra quelli che un tempo erano i locali della fattoria, del granaio e di un’officina.  

In questa foto la facciata illuminata di sera di Borgo Colleoli
Borgo Colleoli | Via Facebook
In questa foto una veduta aerea di Borgo Colleoli, nella zona delle terre di Pisa
Borgo Colleoli

La bellezza del borgo sta tutta nel suo incessante succedersi di spazi esterni che sono ora un tuffo nel passato, ora una veduta sconfinata sull’orizzonte, ora una passeggiata lungo piscine che si aprono alla vista come fossero una sorpresa. 

E serve davvero poca immaginazione per capire che anche Borgo Colleoli è una location vocata ai matrimoni per Dna: dalla celebrazione, religiosa o civile, ai festeggiamenti, non c’è angolo di questo Borgo che non possa essere trasformato in un momento, in un’esperienza.

In questa foto uno dei giardini di Borgo Colleoli allestito con sedie e un arco di fiori, pronto ad ospitare la celebrazione di un matrimonio con rito civile
Borgo Colleoli
In questa foto un lungo tavolo imperiale allestito per un ricevimento di nozze sotto la tettoia esterna del ristorante di Borgo Colleoli
Borgo Colleoli | via Facebook
In questa foto il momento dance di un party di nozze organizzato intorno ad una delle due piscine esterne - quella più grande - che ci sono a Borgo Colleoli
Borgo Colleoli | via Facebook

Di particolare rilievo la terrazza, dove ospitare un cocktail di benvenuto per gli ospiti o organizzare una pizzata la sera prima del matrimonio. E poi, la cucina di Borgo Colleoli: lo chef Maurizio Valentini si muove con maestria tra piatti gourmet e prodotti squisitamente del territorio, regalando esperienze di gusto ai suoi commensali. 


San Miniato, il tartufo e la cucina della tradizione toscana

Il secondo giorno alla scoperta delle Terre di Pisa è stato nel segno delle esperienze. Indimenticabili.

Prima tappa è stata la visita a San Miniato, comune medievale che sorge lungo la via Francigena e nel cuore della valle dell’Arno. È conosciuto anche come “Città delle venti miglia” per via della sua posizione centralissima, ad un passo da Pisa, Firenze, Lucca, Siena e Pistoia. 

In questa foto una veduta aerea di San Miniato, comune medievale nella zona delle terre di Pisa, in Toscana
San Miniato | via Tuscany for Weddings

Bella da mozzare il fiato è la Sala delle Sette Virtù all’interno del Palazzo comunale: qui è possibile sposarsi, infatti, circondati – letteralmente – dagli affreschi con rappresentazioni sacre e civili realizzati tra fine Trecento e Cinquecento.

In questa foto la sala delle Sette Virtù all'interno del palazzo comunale di San Miniato, in Toscana: totalmente affrescata sul soffitto e sulle pareti è oggi location per la celebrazione di matrimoni con rito civile
via Comune.san-miniato.pi.it

Tra le rappresentazioni di stemmi e insegne araldiche volute dalle più importanti famiglie cittadine, spicca però la Vergine che allatta il bambino circondata dalle Virtù teologali e cardinali: cautela, giustizia, temperanza, fortezza, fede, speranza e carità. 

Truffle in Tuscany, tutti a caccia di tartufi

Il comune di San Miniato è famoso, oltre che per la sua storia, per i suoi tartufi bianchi. E così, ecco la prima esperienza di questa tre giorni. 

Accompagnati da Mela e dal suo inseparabile padrone Massimo, tartufaio di terza generazione – anima di “Truffle in Tuscany” insieme al padre e alla sorella – , siamo andati a caccia di tartufi

Un momento immersivo e totalizzante, oltre che divertente, tra i boschi che circondano San Miniato. Una passeggiata educativa, all’insegna anche dell’ecosostenibilità e di metodi per ridurre l’impatto dell’uomo sull’ambiente.

In questa foto il cane Mela mentre annusa il tartufo nero trovato durante la caccia al tartufo organizzata nei boschi intono a San Miniato da Massimo, anima di Truffle in Tuscany
In questa foto il gruppo impegnato nel press tour per le Terre di Pisa insieme a Mela e Massimo, di Truffle in Tuscany

Dal produttore al consumatore, poi, è stato un attimo! Dopo aver collezionato – grazie all’ottimo fiuto di Mela – 3 tartufi neri ed 1 bianco, Massimo, sua sorella Letizia e il padre Salvatore ci hanno accolti ed ospitati nella loro casa per una cooking class a tema, seguita da un pranzo tutto a base di Cibo degli dei.  

In questa foto il tavolo pronto per il pranzo a base di tartufi offerto da Truffle in Tuscany, posizionato sotto il porticato della proprietà del tartufaio di San Miniato, Massimo, e della sua famiglia

Il lettore più curioso potrebbe chiedersi, adesso, come fanno rima matrimoni e tartufi? È più facile del previsto. 

La caccia al tartufo, la lezione di cucina e il pranzo a base di tartufo (che la famiglia Truffle in Tuscany organizza per professione) sono un’esperienza da vivere e condividere con i propri ospiti. 

In un momento storico in cui il matrimonio è sempre più considerato un’esperienza, un’occasione per offrire a parenti e amici momenti da ricordare e non più pranzi e cene interminabili, la scoperta del territorio e delle sue tipicità rappresenta un ricordo destinato a durare per sempre. Proprio come il Sì.

A lezione di cucina (tradizionale toscana) con Arianna & Friends

E a proposito di esperienze che diventano ricordi da fissare nel tempo, l’altra attività a cui hanno pensato per noi Tuscany for Weddings e Toscana Promozione Turistica, in collaborazione con Terre di Pisa, è stato il corso di cucina tipica toscana; seguito dalla sua cena con le pietanze preparate durante le ore di cooking class.

In questa foto l'esterno dell'antico casale a Montefoscoli dove si è svolta la cooking class organizzata da Arianna & Friends
via Arianna & Friends
In questa foto tutti i prodotti alimentari utilizzati durante la cooking class. Sono posizionati sopra un grande tavolo in marmo, all'interno di quella che era la mangiatoia del casale di Montefoscoli

A dirigere l’orchestra – cioè noi giornalisti e blogger, con tanto di grembiuli! – è stata la dirompente e preparatissima Arianna di Arianna & Friends, tour operator specializzato in vacanze esperienziali in Toscana, con particolare attenzione verso l’enogastronomia. 

Accanto a lei, Paola, che a Montefoscoli ci vive e che soprattutto ci ha aperto gli spazi della sua cucina. Un luogo fuori dal tempo, che è stato un salto nel passato più autentico.

In questa foto il gruppo di giornalisti e blogger, insieme a Chiara Gheri di Tuscany for Weddings, armati di grembiuli e pronti per la lezione di cucina
In questa foto Arianna di Arianna & Friends, colei che ha organizzato e tenuto la cooking class, mentre mostra un piatto di pasta fresca al ragù di carne
Arianna

Pasta al ragù bianco, braciole rifatte al pomodoro e una squisita torta al cioccolato e pere: tra aneddoti, cenni storici e assaggi non proprio nascosti, è stato tutto un tripudio di sapori e di odori. Anche questi indimenticabili.    

La cooking class con Arianna & Friends è stata anticipata, però, dalla scoperta del Tempio di Minerva Medica.

In questa foto la faccia del Tempio di Minerva Medica, a Montefoscoli, oggi adibito alla celebrazione di riti civili
Tempio di Minerva Medica | via Arianna & Friends

Un edificio situato su un colle all’interno di un piccolo boschetto di lecci nei pressi del paese di Montefoscoli, eretto intorno al 1822 per volontà di Andrea Vaccà Berlinghieri, medico e luminare dell’Università di Pisa.

Se in origine fu un monumento alla memoria del padre Francesco, anch’egli medico, oggi è una particolarissima location in cui celebrare matrimoni con rito civile.  


Una discarica che è un luogo d’arte e poi la sorprendente Villa Scorzi

Il terzo e ultimo giorno del press tour non è stato meno sorprendente dei due che l’hanno preceduto.

Il Triangolo Verde

A Legoli, frazione del comune di Peccioli, in provincia di Pisa, c’è un posto che nessuno si aspetterebbe mai, ma che lascia a bocca aperta: il Triangolo Verde.

È una discarica, ma della discarica non ha né la forma né i rumori né gli odori. Anzi.

In questa foto una veduta aerea del Triangolo Verde, la discarica vicino Peccioli ancora funzionante, ma che oggi è anche un luogo di arte e cultura all'aria aperta
via Terre di Pisa

Grazie alla lungimirante visione della Belvedere Spa, questo impianto di smaltimento rifiuti oggi è diventato un vero e proprio museo all’aperto, con tanto di installazioni artistiche ed anfiteatro.

A catturare l’attenzione sono i Giganti dell’installazione artistica “Presenze”: opera di Naturaliter, consiste in gigantesche figure umane che evocano la rinascita a nuova vita là dove quotidianamente ha luogo la distruzione espressa per antonomasia dal rifiuto.  

In questa foto uno dei giganti dell'installazione artistica "Presenze", di Naturaliter, all'interno del Triangolo Verde di Legoli
via Belvedere.peccioli.net

E ancora, l’Anfiteatro Triangolo Verde che ogni anno ospita rassegne teatrali, concerti e spettacoli musicali. 

Nel 2016, poi, Sergio Staino ha decorato le pareti esterne che proteggono dal vento l’impianto di trattamento meccanico biologico, con la sua opera “All’altezza delle Margherite”. E l’anno dopo, invece, l’artista britannico David Tremlet ha portato i suoi colori e le sue forme geometriche sui muri di contenimento e sui serbatoi dell’impianto. 

In questa foto uno dei silos della discarica di Legoli dipinto dall'artista britannico David Tremlet, che ne ha fatto così un'opera visiva d'arte contemporanea
via Fondarte.peccioli.net

Oggi il Triangolo Verde è qualcosa di più, ancora. Viene scelto dalle coppie come location per la celebrazione del rito civile e, grazie alla struttura edificata nell’area, è possibile organizzare pure i festeggiamenti di nozze. 

Peccioli, un’immersione nell’arte senza tempo

E a proposito di visionari e luoghi che sono visioni, il Comune di Peccioli – dove abbiamo fatto tappa subito dopo – ne è forse l’essenza.

Qui, in questo borgo squisitamente medievale, tra palazzi e stradine, campanili e vedute collinari di vigneti e uliveti, irrompe e si fa protagonista l’arte contemporanea

In questa foto il sovrappasso di Peccioli avvolto da una spirale colorata e ipnotica che rappresenta, in ordine di tempo, una delle ultime installazioni artistiche realizzate nel paese toscano
via Belvedere.peccioli.net

Passeggiare tra le viuzze di Peccioli è come visitare un museo a cielo aperto: ovunque installazioni artistiche e di luci neon; colori, tantissimi colori. Ci sono le opere permanenti realizzate da Alicja Kwade e Patrick Tuttofuoco, mentre gli intonaci e le facciate delle case portano la firma dell’artista inglese David Tremlett.  

Ritornano anche i giganti, gli stessi del Triangolo Verde. 

Di recentissima costruzione è la nuova “piazza” pubblica, che è più una strabiliante terrazza sospesa, affacciata sulle colline dell’Alta Valdera. Uno spazio di 600 metri quadrati, con uno sbalzo da terra di 20 metri a dominare la campagna circostante.

In questa foto una veduta della nuovissima terrazza sospesa inaugurata a Peccioli. Completa la costruzione altrettanto recente del Palazzo Senza Tempo e oggi può ospitare la celebrazione di matrimoni con rito civile
via Belvedere.peccioli.net

Questa terrazza, che completa l’altrettanto recente costruzione del Palazzo Senza Tempo, può essere sfruttata come luogo per la celebrazione di matrimoni con rito civile. Una location niente male, davvero niente male, che per le sue fattezze quasi sembra voler strizzare l’occhio al The Edge di New York.

Le Palaie

Da una terrazza ad un’altra: quella de Le Palaie. Azienda agricola e vitivinicola, gode di una tenuta che si estende su 150 ettari di terreno, di cui 20 di vigneti; e produce quattro rossi, due bianchi e un rosato.

Le Palaie è la location ideale per chi sogna un matrimonio circondato dai profumi, dai colori, dai sapori del vino. E della terra. 

In questa foto una veduta aerea dell'azienda agricola e vitivinicola Le Palaie, nel pisano, oggi anche location per matrimoni
Le Palaie

La cantina, il prato immenso con vista sui filari, la terrazza affacciata sulla vallata, la piscina sono tutti spazi dedicati all’ospitalità: nella struttura, infatti, è possibile celebrare il matrimonio con rito civile e, a seguire, organizzare il party di nozze.  

In questa foto la terrazza de Le Palaie, dove è possibile organizzare festeggiamenti di nozze
Le Palaie
In questa foto due grandi tavoli imperiali addobbati per ospitare un ricevimento di nozze, posizionati all'interno della sala di produzione del vino de Le Palaie, in Toscana
Le Palaie

Inoltre, in quello che era un casale del ‘600 ristrutturato – dove tutto è nato – ora ci sono anche 7 appartamenti e 3 case indipendenti dove la coppia può restare per la prima notte, magari condividendo il soggiorno con i parenti e gli amici più cari.

Villa Scorzi

Le Terre di Pisa sono così, un andirivieni continuo tra passato e futuro, tra iper contemporaneità e natura. Tra ieri e oggi, insomma. In un incessante viaggio di equilibri che sembrano non perdere mai la loro armonia.

Ecco perché il dulcis in fundo di questa tre giorni è stata Villa Scorzi, che è un ritorno al territorio più sincero. Perfetta rappresentazione di ciò che Pisa e dintorni possono offrire.

In questa foto una magnifica veduta aerea notturna di Villa Scorzi, location per matrimoni in Toscana
Villa Scorzi

Edificata tra il Trecento e il Settecento, per secoli dimora di illustri famiglie nobiliari ed oggi sede di un esclusivo relais, è una location per matrimoni che non può non piacere.   

La particolarità sta nel suo essere l’unione perfetta di tre stili architettonici e artistici diversi: quelli dell’originaria casa magione (del ‘300), poi della residenza di campagna (intorno al ‘600) e poi, ancora, del corpo centrale della Villa (risalente al ‘700) con i suoi grandi saloni e tetti affrescati. 

In questa foto una parte del giardino all'italiana di Villa Scorzi, in provincia di Pisa
Villa Scorzi
In questa foto l'allestimento per la celebrazione di un matrimonio con rito civile tra gli spazi del giardino all'italiana di Villa Scorzi, in Toscana
Villa Scorzi

Tutti spazi, questi, oggi adibiti ad ospitare banchetti e festeggiamenti di nozze. E a cui si aggiungono i pregiatissimi esterni: dal giardino all’italiana alla limonaia, dal parco con gli alberi secolari alle suggestive corti interne.  

In questa foto un altro ambiente verde esterno di villa Scorzi, dove è stata realizzata una grande piscina esterna. Anche questa zona è adibita ad ospitare uno dei momenti del ricevimento di nozze
Villa Scorzi
In questa foto due sposi di spalle attraversano l'arco di rose che si trova in uno dei giardini di Villa Scorzi, location per matrimoni in Toscana, nella zona di Pisa
Villa Scorzi
In questa foto una delle grandissime sale interne di Villa Scorzi, dove è possibile organizzare il ricevimento di matrimonio
Villa Scorzi

A Villa Scorzi tutti gli spazi, interni ed esterni, sono immensi. Proprio come la sua bellezza.


    Iscriviti alla nostra newsletter

    Cosa ne pensi?

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

    1 Comment
    • Fabrizio Quochi
      8 Novembre 2022

      Molto bello questo articolo, rende ben l’idea di cosa sono le Terre di Pisa e cosa possono offrire per celebrare un evento o un matrimonio

    Previous
    Matrimonio stile Bridgerton, tutto per nozze da vera lady
    Terre di Pisa, un territorio vocato al Destination Wedding

    XIII EDIZIONE

    Sposi Magazine

    €9,90

    Sposi Magazine è la rivista delle spose, pensata per accompagnarle dal primo momento dell’organizzazione delle nozze fino al giorno del matrimonio vero e proprio.

    In omaggio per te anche la copia in versione digitale.

    Le spedizioni verranno effettuate a partire dal 25 novembre 2022