«La Botte 1962», oltre 50 anni di tradizione e amore per la cucina

Un viaggio fatto di amore e passione, lungo tutto una vita. Un percorso che dura ormai da oltre 50 anni e che ha visto la cucina italiana trionfare in ogni parte del mondo. E’ proprio qui che nasce l’attività dello chef Maurizio Cascino (www.mauriziocascino.it), figlio del maestro Salvatore, a cui si deve la ricetta originale del buonissimo Parfait di mardorle con cioccolata calda, citato anche nel libro del grande Andrea Camilleri “La prima indagine di Montalbano”.

copia-di-img_7897

Ma andiamo con ordine. E’ il 1962, quando Salvatore Cascino e il fratello Paolo trasformano un rustico ristorante fuori città, che sorge a Monreale, in provincia di Palermo, su verdi colline a 420 metri di altitudine e utilizzato inizialmente come rivendita di vini sfusi, in quello che oggi è “La Botte 1962”, riconosciuto come Locale Storico D’Italia, con una cucina di fama internazionale fatta con piatti dal gusto senza tempo e con l’alta professionalità dei maestri Salvatore e Maurizio Cascino.

la-botte-20
mm00059725

Lo storico ristorante, che dispone di una tenuta di 6.000 mq, si presta benissimo all’organizzazione di eventi di vario tipo, a partire dai matrimoni, per i quali vengono elaborati personalmente dallo chef, menu ad hoc, per rendere indimenticabile il gran giorno. Le ricette conservano il loro sapore tradizionale ed è proprio questo che le rende speciali. In questa maniera chi le assaggia fa un vero e proprio tuffo nel passato gastronomico e non solo. Infatti, “La Botte 1962” conserva i tratti fondamentali dell’antico locale come le vecchie botti e le travi in legno sul soffitto. L’atmosfera, però, è elegante e ricercata.

Cenacolo di artisti, come Carla Fracci, Mario del Monaco, Amedeo Nazzari, Gianni Raimondi, Renata Tebaldi, il principe Giuseppe Tomasi di Lampedusa, Totò (principe De Curtis), il ristorante dei maestri Cascino, ha ospitato anche Papa Giovanni Paolo II.

la-botte-7
la-botte-2

Dopo un lungo percorso di studi professionali e universitari, che lo hanno spinto sino al Giappone e agli Stati Uniti, Maurizio Cascino ha fatto degli spazi del suo ristorante un vero e proprio centro enogastronomico, un luogo in cui scoprire e godere della sua cucina, fatta di tradizione ma anche di sapori internazionali.

La “Botte 1962”, accoglie, oltre all’Antico Casale e al Padiglione estivo, dove ha origine lo storico ristorante, anche un’area immersa nel verde degli alberi di ulivo, l’esclusiva ed elegante “Sala Dioniso”, un cottage di classe con candelieri in cristallo dal gusto francese un po’ retrò e “Le Dehors”, ideale per cocktail di benvenuto, cerimonie all’aperto e romantiche cene a lume di candela, per tutte quelle coppie che amano avere sulla testa un tetto di stelle.

 

Messaggio pubblicitario

 

 

 

 

 

Sostieni Sposi Magazine

Cara lettrice,
sin dall’inizio di questo periodo di emergenza sanitaria, la redazione di Sposi Magazine non si è mai fermata. I giornalisti sono al lavoro ogni giorno per offrirti contenuti utili e affidabili, con l’obiettivo di aiutarti a gestire il tuo matrimonio ai tempi del Coronavirus. Se apprezzi ciò che facciamo, se ti piace il nostro lavoro – che per te è da sempre gratuito – ti chiediamo di supportarci: anche un piccolo contributo, in questo momento straordinario, rappresenta per noi un grande ed importante gesto. Grazie!

Previous
Accessori Graffeo, quando cravatte e papillon sono lo specchio dell’anima
«La Botte 1962», oltre 50 anni di tradizione e amore per la cucina

UN REGALO PER TE!
SPOSI MAGAZINE 2020

In questo momento che ci chiede di essere responsabili e ci impone di trascorrere le giornate in casa per il bene di tutti, regalarti la versione digitale di Sposi Magazine è il nostro modo per tenerti compagnia, farti distrarre e offrirti una lettura rilassata e piacevole con cui impegnare parte del tuo tempo.

Compila il modulo qui sotto e
scarica subito la tua copia!